La folle ragazzina

C’era una volta una folle ragazzina che non voleva fare quello che i suoi genitori ed insegnanti le dicevano. Lei voleva saltare tutto il tempo e sdraiarsi sui prati nei giardini, però non voleva fare i compiti e nemmeno andare a scuola. Lei credeva di avere le ali e di poter volare nel cielo.

Ma la piccola crebbe e le sueali diventarono più grande ma anche più pesanti. Non aveva più forze per volare. Non aveva più tanta voglia di saltare, e sdraiarsi in giardino le sembrava adesso un po’ ridiculo, perché non voleva scompigliare i suoi bei capelli rossi e neanche sporcare i suoi vestiti. Cosa succederebbe si un bel ragazzo la vedesse così?

La folle ragazzina dai capelli rossi non aveva più la stessa allegria nel suo cuore. Sentiva che c’era qualcosa che le mancava ma non sapeva cos’era.


Un giorno un piccolo gattino si aviccinò a lei e cominciò a parlarle in modo formale. La povvera ragazza non poteva credere que quel gatto fosse un gatto parlante! Questo gatto non aveva stivali ma era altrettanto intelligente come il gatto di quella famosa storia. Magari era suo nipote, chi può saperlo? Il gatto le chiese di chiudere gli occhi per tre secondi. La ragazza lo fece.

Non successe niente. Rimasero nella stessa stanza ed il sole splendeva attraverso la finestra come prima. L’unica cosa ad essere cambiata era che sulla tavola erano apparse un paio di forbici.

La ragazza si sedette su una sedia, afferrò le forbici e si tagliò le ali. “La folle ragazzina non vive più qui”. Il gattino diventò un uomo bello, dagli occhi blu ma senza alcun bagliore in esse. Si sposarono e vissero per sempre vuoti e grigi.

(Grazie Milena per le correzione!)